info@villamerlata.com / +39 339 4182233

Musei Aperti ad Ostuni – Ottobre 2019

Il Santuario Madonna della Nova di Ostuni e la sala di Rappresentanza di Palazzo Montenegro,a Brindisi,  aperti al pubblico in occasione dell’appuntamento autunnale con le giornate autunnali Fai (Fondo Ambiente Itaiano), in programma sabato 12 e domenica 13 ottobre. I protagonisti, anche in questa nuova edizione delle iniziative dedicate alla valorizzazione del patrimonio storico e culturale italiano, saranno i giovani.

“Il Fai – si legge in una nota del Fondo – ha da sempre a cuore i giovani: sono gli Apprendisti Ciceroni,che nell’ambito di un progetto di formazione curano alcune visite nei Beni del Fai e alcune aperture delle Giornate Fai di Primavera, sono i ragazzi delle scuole a cui vengono dedicate le Mattinate Fai d’Inverno, e sono soprattutto i Gruppi Fai Giovani, protagonisti assoluti di uno degli eventi più importanti della Fondazione, le Giornate FAI d’Autunno, quest’anno dedicate a Giacomo Leopardi e all’Infinito in occasione del bicentenario della poesia”.

Il prossimo fine settimana, dunque, grazie all’impegno dei Gruppi Fai Giovani -con il supporto di Delegazioni e Gruppi Fai – che selezionano, organizzano e raccontano le aperture, sarà possibile visitare a contributo volontario 700 luoghi poco conosciuti e inaccessibili in tutta Italia: un weekend in cui i ragazzi del FAI prenderanno per mano gli italiani e li condurranno alla scoperta del loro ricco patrimonio culturale, grazie a 140 itinerari tematici e aperture speciali in 260 città.

Per il FAI aver cura delle nuove generazioni significa soprattutto occuparsi del loro futuro. Da anni la Fondazione è al lavoro per rendere i suoi Beni sostenibili dal punto di vista energetico e nel mese di ottobre 2019, con consapevolezza della grande attenzione che l’emergenza climatica esige, dedica “Ricordati di salvare l’Italia”, la grande campagna nazionale di raccolta fondi, al sostegno di questo suo obiettivo: sul sito www.fondoambiente.itfino al 20 ottobre sarà dedicata ai nuovi iscritti la speciale quota di iscrizione di 29 euro anziché 39. In un momento storico in cui l’impegno a favore della sostenibilità ambientale e dello sviluppo di una coscienza ecologica è cruciale, lo scopo del FAI è duplice: da un lato la Fondazionesi prefigge di ridurre le emissioni di CO² non più del 15% entro il 2023 come da obiettivo fissato nel piano strategico 2014 bensì del 20%, forti dei risultati già conseguiti – dal 2014 al 2018 i Beni del FAI hanno emesso 139 tonnellate in meno di CO²; dall’altro intende mettere a punto un progetto didattico per comunicare ai visitatori le azioni virtuose e ripetibili messe in atto nei Beni. Favorendo l’implementazione di tecnologie all’avanguardia e contribuendo alla sensibilizzazione verso questi temi è possibile investire nel futuro dell’arte, della cultura e del paesaggio di questo Paese, che deve proiettarsi in avanti nel rispetto dell’ambiente.

 

 

 

 

 

brindisireport.it

Related articles

Da Favara a Ostuni. Anche in Puglia La scuola di architettura per bambini SOUxOstuni

Avrà inizio il prossimo 18 settembre il nuovo ciclo di attività scolastica di SOUxOstuni, Scuola di architettura per bambini nata da un progetto di Farm […]

Learn More

Festa di Sant’Oronzo, confermate le due tradizionali fiere

Il sindaco di Ostuni ha autorizzato lo svolgimento di entrambe le tradizionali fiere che si tengono in occasione dei festeggiamenti in onore del Santo Patrono. […]

Learn More

Visita Ostuni in gruppo, passeggiando!

Ostuni è una tappa davvero interessante in cui sostare per tutti i turisti che decidono di fare una vacanza in Puglia. Lo è ancor di […]

Learn More